SCARPE TRAIL RUNNING: COS’E’ IL DROP E COME SCEGLIERE LA SCARPA GIUSTA

Scegliere la scarpa giusta è fondamentale nel trail running ed il drop è un elemento da considerare. Il Drop è la differenza di altezza tra l’appoggio del tallone ed l’appoggio della parte anteriore del piede a livello dell’intersuola. La differenza di altezza mantiene il piede all’interno delle scarpe più o meno inclinato.

Il Drop delle scarpe da trail running, generalmente varia da 12 mm a 4 mm, ma per i seguaci della corsa naturale o “barefooting” si arriva allo 0.

Analizziamo le caratteristiche dei diversi Drop.

  • Drop 0 mm. Scarpe utilizzate dagli amanti della corsa naturale. Per la maggior parte degli atleti non è semplice adattarsi agevolmente ad utilizzare questo tipo di calzature senza rischiare d’incorrere in infortuni per l’eccessiva sollecitazione del tendine di Achille e la limitata ammortizzazione. Queste calzature sono più adatte a terreni piatti e morbidi.
  • Drop 4 mm. Una calzatura quasi piatta adatta ai corridori con un’ottima tecnica di corsa abituati ad appoggiare per prima la parte anteriore del piede. Consigliata a chi è un’atleta di livello che ricerca la massima prestazione sportiva in gara di trail running di breve distanza.
  • Drop compreso tra 6 mm e 10 mm. Qui troviamo le scarpe adatte alla maggior parte dei trail runner. La scelta del differenziale dipenderà dal tipo di appoggio, dall’esperienza e tecnica di corsa dell’atleta, dalla ricorrenza di infortuni, dal tipo di gare e dalla durata degli allenamenti più lunghi.
  • Drop 12 mm. Si tratta di scarpe con la parte posteriore del tallone generalmente molto ammortizzata, adatte per i principianti e per coloro che hanno bisogno di una scarpa in grado di sostenere il passo con il trascorrere dei km e delle molte ore di gara.

IL CONSIGLIO DEI TRM COACH: Il Trail Running è uno sport che si svolge spesso su terreni naturali con asperità ed ostacoli. In queste situazioni il piede ha sia la necessità di essere protetto dai colpi contro le rocce ed altri ostacoli naturali, sia di essere sostenuto e supportato da una calzatura sufficientemente ammortizzata. L’atleta dovrà tenere in considerazione che, con il sopraggiungere della fatica, tenderà inevitabilmente a modificare la sua biomeccanica di corsa ed l’efficienza del gesto atletico aumentando le possibilità di incorrere nell’infortunio.

Vuoi chattare con un TRM Coach? Contattaci qui TRM Coach

📌 SCARICA la nostra mini guida GRATUITA 👉 MINI GUIDA ALLENAMENTO TRAIL 

Tag: , , , , , , ,

Menu
  • Cookie Policy